Tag

, , , , , , , , ,

Amiche-da-morire-Poster-copiaItalia, 2013 sonato, e finalmente una regista italiana 27enne riesce a girare un film che rompe. Che rompe dove il giovane Almodovar ruppe negli anni Ottanta: scardinare cliché e convenzioni – donna, uomo, bottana, santa, figo, sfigato, etero, omo, macho. Anche la scureggia non fu più se stessa dopo Pepi, Lucy, Bom e le altre ragazze del mucchio (1980).

Prima di lui c’era stato il Maestro, Buñuel (Il fantasma della libertà, 1974).
Mi è venuto in mente anche un più recente film greco L’orgasmo della mucca (1997), di Olga Malea, che avevo recensito anni fa.

Il Italia siamo ancora indietro – film e studi di genere servono come l’aria che respiriamo. Non bastano gli interventi raffinati e alti – raramente eguagliabili e non a tutti accessibili – di Alina Marazzi (Vogliamo anche le rose2007). C’è bisogno di una piccola selva di opere minori – e selva è una perfetta metafora per il vaginale anticonvenzionale che avanza. Anticonvenzionale per rispondere alle necessità di una società sempre più complessa… da almeno trent’anni.

Insomma la cassetta degli attrezzi è pronta, gli esperti ci hanno lavorato (studi di genere, alte scritture cinematografiche e letterarie), mancano modi efficaci e popolari per distribuirli al grande pubblico. 

Amiche da morire si muove in questa direzione, con un’avvertenza: non cadere in altre rigidità. Il problema infatti non è tanto avere categorie di pensiero e di classificazione  ma saperle modulare a seconda delle situazioni, usarli come strumenti e non applicarli in maniera automatica e acritica.

Amiche da morire di Giorgia Farina. Con Claudia Gerini, Cristiana Capotondi, Sabrina Impacciatore, Vinicio Marchioni, Marina Confalone, Corrado Farina, Antonella Attili, Tommaso Ramenghi, Adriano Chiaramida, Gaetano Aronica, Giovanni Martorana, Bruno Armando.

http://cinetrailer.it/Amiche-da-morire

Annunci