questa è luce naturale…

questa è luce naturale
la corrente non serve
e il ministero delle infrastrutture
non ha voce in capitolo
per farla funzionare
basta accendersi l’un l’altro
quando occorre
– pressione, tocco,
presa, strattone
sguardo, richiamo
sfioramento
mutua ricerca di pulsanti-pistilli
sottopelle
fra un buio e l’altro

basterebbe
che fossimo assunti
allo stesso titolo
per l’identico lavoro
dall’impresa di insegne luminose
per un risveglio d’uso quotidiano.

22449600_10156000740140466_1086770462900653268_nMan Ray, portfolio Électricité (dix rayogrammes), 1931.

Annunci

market mind

carte sporte volti
sfilano all’uscita del supermercato
strusciano
di fronte al delegato
che soppesa asparagi
ripone banconote
file ripetute di sguardi
offerti un istante
omessi, caduti
tuorli bolliti dal vuoto
albume dei volti
labbra distratte
mosse
più spesso immote
(poi è successo, hai sorriso
la cassiera ti ha detto «finalmente!»)

casse-supermercato.jpg(immagine dal web)

sirene e Poesia 2.0

Sono felice di annunciare ai lettori di “Pozioni” che il concept book poetico SIRENE, è stato premiato, assieme alla raccolta VARIE di Massimo Stirneri, dall’autorevole giuria di Poesia 2.0 di Flavio Ermini

ed è ora edito in ebook (formati epub, MOBI e pdf) all’interno della collana “Opera Prima”.

Grazie, grazie, grazie!

OPERA PRIMA 2017 – I VINCITORI

Per scaricare l’ebook cliccare sull’immagine qui sotto:

SNAPSHOT-SIRENE

Sirene

Notturno#2 passeggiata ad alta quota

“La luna venne alla fucina col suo sellino di nardi. Il bambino la guarda, guarda. Il bambino la sta guardando.” (F. G. Lorca)

“Luna, luna”
Questa Luna
se si potesse
girarle attorno
velo a velo
accoglierne la luce
lasciarsi avviluppare
se si potesse
vederla da vicino
forse sapremmo
se sia possibile conoscerla

solo a patto di rinunciare a sè

o se invece sia concesso
spianare l’occhio
farne grande

immenso sguardo

quadro fisso sotto di Lei

accoglierla senza svanirci dentro

“Luna, luna”

17342734_10210623189929612_563693239126287356_n

(immagine dal web)

a Duchamp

O tu che consenti e contieni
Regina dei liquidi
Governatrice dei flussi
o tu che sai essere
a disco
a farfalla
a globo
a maschio
a fungo
a pinza
a sfera
a spillo
a saracinesca
a fuso
a rotazione
poesie hydraulique
ballet fluidique
ingeniérie artistique
valvola-atex

notturno#1

La parte di non-amore che ci abita
è come una parete nera
in una casa tutta bianca
bisogna stringerla d’un assedio cromatico
chiuderla nel pugno
tuttavia…
riemerge
come la sagoma del quadro dell’antenato
che avevi intonacato mesi fa
è il nostro irredimibile
ineludibile
essere-umani
dover usare il nero per tracciare
contorni, parole, discorsi
doversi tenere l’ombra
come una sorella solitaria e bislacca
che si nasconde in camera quando gli ospiti suonano alla porta.

P_20160702_162435_BF_1.jpg

sulla collina

ridurre a ossa
accumularne
e con esse costruire un mondo
di uomini, animali, case
tripudio fantastico dalla scarna struttura
a lungo ambita, perseguita
anni trascorsi a scavarsi
per riuscire a vedere il bianco

Animal-Skeletons-Pictures-2

foto trovata qui

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: